Teletrasporto Cellulare

di Davide Nebuloni - SacroProfanoSacro

L’articolo di quest’oggi è particolare, ossia ho accettato, ancora maggiormente, di ‘lasciarmi andare’ e seguire l’onda di ricerca. Secondo ispirazione ed intuizione, nella sincronicità del cammino del Conosci Te Stesso. Con fede/fiducia in seguito alla necessità di porre una domanda; questa: perché?

Le Zone Tributarie sono i catalizzatori del risveglio del Navigatore di Totalità nello strumento umano al fine di aiutare l’umanità a scoprire il Gran Portale...


In generale, le Zone Tributarie Planetarie sono create in forma di libri, arte, poesia e film… e sono finalizzate alla preparazione di una specie...

Wingmakers

Abbiamo dei luoghi ‘fisici’ in cui è accumulato un certo potenziale? La mente va immediatamente all’incendio della biblioteca di Alessandria o a ciò che esprimeva Steiner a proposito dell’avvento della stampa a caratteri mobili: una possibilità in più per le forze oscure di agire sull’umanità. Cioe? 

 

I libri come forma di ‘preparazione di una specie’. I libri come veicolo di forze oscure nella specie.


Il consueto ‘tacco-punta’ o ‘pari e patta’?


Ricordiamo sempre che siamo in una dimensione ciclica, per cui duale, in cui dobbiamo imparare a 'surfare le onde', destreggiandoci nell’eterno attimo presente: il terzo stato quantico della materializzazione 3d. 

 

L’ora e adesso, il qui, l’Io Sono


Avremo sempre l’imbarazzo della scelta, il dubbio, la sensazione di dover scegliere e di essere davanti ad un importante bivio esistenziale da affrontare con tutta la nostra presente presenza. Il mio ‘risveglio’ è scaturito, guarda caso, dalla scoperta di un… libro.  


L’evoluzione nell’universo materiale vi ha fornito di un veicolo della vita, il vostro corpo umano. 
 
La Sorgente Primaria ha dotato il vostro corpo del più puro frammento della sua realtà, il vostro navigatore di totalità. Questi è il misterioso frammento della Sorgente Primaria che agisce da luce pilota dell’anima umana – fondendo gli aspetti mortali e quelli eterni. 

 
Riuscite a immaginare cosa significa avere un frammento della Sorgente Assoluta insito nella vostra stessa natura? Riuscite a immaginare il vostro destino nel fondervi con un vero frammento della Sorgente Primaria del Grande Universo? 

 
Nessun limite può essere messo sui vostri poteri del Sé o sulla vostra eterna possibilità. 
Wingmakers Speak - Capitolo 13 - La Funzione del Navigatore di Totalità - Camera 15


Le Zone Tributarie… sono finalizzate alla preparazione di una specie… sono i catalizzatori del risveglio… Di cosa? Del risveglio del Navigatore di Totalità, ossia di quella parte ‘divina’ che è in noi: la particella divina della Sorgente Primaria. È un risveglio del divino nel corpo fisico, ossia nelle 3d: la famosa discesa vibrazionale. 

 

Qual è lo scopo di questo risveglio? Scoprire il Gran Portale:


Il Gran Portale è l’irrefutabile scoperta scientifica del Navigatore di Totalità, e come esso vive ed esprime le sue funzioni all’interno dello strumento umano. Il Gran Portale è la scoperta più profonda di una specie umanoide, poichè definisce la specie come membro della comunità galattica…

 
Il Gran Portale è una lente attraverso la quale l’umanità può osservare la Sorgente di Realtà e, di conseguenza, comunicare. Il Gran Portale è la scoperta apice dell’umanità e introduce un profondo cambiamento in tutti i settori della popolazione

 

Coniuga scienza, metafisica, arte e il superuniverso, mettendo l’umanità nella posizione di abbracciare tutte le dimensioni del multiverso stando nella terza dimensione.

Wingmakers

Bellissima citazione. Cosa è il Navigatore di Totalità, allora? È la nostra Anima. Dunque la nostra Anima è una particella della Sorgente Primaria. Attraverso il Gran Portale l’umanità potrà ‘muoversi senza movimento’ ed ‘abbracciare tutte le dimensioni del multiverso stando nella terza dimensione’.


Ripeto: stando nella terza dimensione. Ciò non contraddice l’Ascensione ma ritaglia un ambito nel reame del tempo in cui è possibile che accada questa opportunità. Come direbbe l’amico Carlo: si tratta di umanizzare il divino

 

È come un teletrasporto energetico, una modalità di viaggio nel tempo laddove si parte da una condizione di assenza del tempo e di una gran sete di esperienza fisica, insomma di una gran voglia di ‘menare le mani’.


Abbiamo due tipi diversi di ‘network’ 3d planetari, già di per se ben sviluppati:

  1. internet
  2. noosfera

Cos'è il passaggio dalla biosfera - noosfera?

Secondo le profezie, la fine del ciclo 1987-2013 coincide con un preciso punto-evento geologico - evolutivo: la transizione biosfera-noosfera.

Link

La noosfera è sia la mente della Terra, che la prossima grande era dell’evoluzione terrestre. Per trasformarci con la Terra dobbiamo unificarci e divenire una sola mente. Questo è il significato della noosfera…


Per iniziare a sperimentare il nuovo terreno della noosfera, la Mente Unica della Terra, José Argüelles/Valum Votan ha proposto cinque semplici precetti:

 

1.     Sottomissione – del proprio ego a Dio, il Potere Supremo.

2.     Nutrirsi di luce – Diventiamo vegetariani, e coltiviamo un orto.

3.     Essere felici – Ogni nostro pensiero, ogni inclinazione che abbiamo, tutto ha una carica che entra a far parte dell’ambiente psichico in cui tutti viviamo. Fermiamo l’inquinamento mentale ora, e chiediamoci se i nostri pensieri sono felici, negativi o neutri. La noosfera è la somma di tutte le cariche mentali che noi vi immettiamo.

4.     Cambiare Frequenza – Tutti vivono in un programma inconscio detto tempo meccanico artificiale. Esso crea una frequenza detta 12:60 – calendario irregolare di 12 mesi, ora dell’orologio meccanico di 60 minuti. Per realizzare il cambiamento più fondamentale per la salvezza della Terra, cambia la tua frequenza! Segui il sincronario delle 13 Lune di 28 giorni, e passa parola! È la frequenza del tempo naturale, 13:20, e sarà così nel 2013 – vivere nella sincronicità!

5.     Amare tutti – La noosfera è l’abbraccio universale della mente della Terra.

Link

V.I. Vernadsky (1863 1945) geochimico e esperto di minerali sovietico E' noto per il suo libro del 1926 The Biosphere, dove ipotizza che la vita è la forza geologica che da forma alla terra. Nella teoria originale di Vladimir Vernadsky, la noosfera è la terza fase dello sviluppo della Terra, successiva alla geosfera (materia inanimata) e alla biosfera (vita biologica). Così come la nascita della vita ha trasformato in maniera significativa la geosfera, così la nascita della conoscenza ha trasformato radicalmente la biosfera...


Per Pierre Teilhard de Chardin (1881-1955), gesuita, paleontologo e filosofo francese la noosfera è una specie di 'coscienza collettiva' degli esseri umani che scaturisce dall'interazione delle loro menti e si è sviluppata con l'organizzazione e l'interazione degli stessi a mano a mano che essi hanno popolato la Terra.

   

Più l'umanità si organizza in forma di reti sociali complesse, più la noosfera acquisisce consapevolezza.

 

Questa è un'estensione della Legge di complessità e coscienza di Teilhard, legge che descrive la natura dell'evoluzione dell'universo. Pierre Teilhard de Chardin sostenne, inoltre, che la noosfera sta espandendosi verso una crescente integrazione e unificazione che culminerà in quello che egli definisce Punto Omega, che costituisce il fine della storia...

Link

Mère parla di ‘movimento di coscienza’ senza movimento: ‘noi siamo costretti ad usare parole che parlano di movimento perché per noi tutto si muove sempre, ma questo mutamento di coscienza non è un movimento… Non che io sia stata questa o quella persona tutta la Vita: sono stata il momento psichico importante di quelle esistenze… Adesso che tutto sta come venendo al pettine, le cose riemergono così, in quanto parte del lavoro... 

 

Perché… le cellule, al momento in cui avevo avuto queste visioni, vi avevano partecipato, in parte: nel senso che ne avevano sentito la vibrazione, dentro di loro; tutte quelle vibrazioni hanno partecipato insomma alla formazione di tutte queste cellule, e adesso loro le rivivono.


Pensiamo alla Legge d’Attrazione. Ci dicono che dobbiamo desiderare senza attaccamento. Sentirci già esauditi. Cò non significa che dobbiamo fare gli attori e recitare; no, non saremmo mai credibili alla luce del Giudice interno. Ci sentiremmo quasi ridicoli. Però se agganciamo il pensiero di Mère, cambia qualcosa di radicale nella nostra prospettiva


le cellule, al momento in cui avevo avuto queste visioni, vi avevano partecipato, in parte: nel senso che ne avevano sentito la vibrazione, dentro di loro…


Le cellule ‘partecipano’ allo sforzo immaginifico.

 

L’immaginazione teletrasporta dell’energia, alle cellule del nostro corpo. Da dove giunge questa energia? Proprio dalla scena visualizzata. Quella scena virtuale è capace di scatenare una reazione che raggiunge il corpo fisico tramite il trasporto cellulare wireless multidimensionale.


Le cellule del corpo si connettono al potenziale cellulare evocato e catturano un imprinting, adattandosi di conseguenza

 

Quando le cose non vanno nella maniera intesa? Quando evochiamo una grande carica di entusiamo/energia dello stesso tipo a livello di plesso solare – le classiche farfalle nella pancia. Perché?

 

Perché intervengono forze naturali che tendono a livellare quel potenziale ‘fuori stagione’, come una sorta di Polizia che interviene per disperdere dei manifestanti. Ora, è ovvio che un simile operato corrisponde ad una legge cosmica attiva in questo piano dimensionale complesso, per cui occorre mantenersi al di fuori da ogni modalità di giudizio: così è.


Evitare il ‘potenziale superfluo’ descritto da Zeland.


Un esempio inerente alla capacità cellulare di replicare l’immaginato è il momento in cui usciamo da una sala cinematografica. In quel momento e per circa qualche minuto siamo l’attore principale, una sua estrapolazione tridimensionale. Pensiamo come lui, agiamo come lui, siamo allegri o tristi come lui…


A tal proposito, ho vissuto un’esperienza significativa mentre andavo in bici nel mio consueto giro d’allenamento. In un momento di caduta energetica, mi sono sorpreso mentre pensavo al duello iniziale espresso nel film Troy: ebbene, improvvisamente ho vissuto un aumento esponenziale dell’energia fisica

 

In quel momento le cellule hanno teletrasportato la forza dell’eroe in me, donandomi parte del suo impeto.

È questa una gran verità.


La verità che esprime la nostra natura divina desiderosa di animare un corpo umano. Tramite l’arte in generale possiamo assorbire la forza impressa in alcuni luoghi chiave; luoghi non così lontani come possiamo ritenere di avere capito. 

 

La nuova fascia che cinge la Terra, la Noosfera, è direttamente collegata ad ognuno di noi. Il ‘sapere’ è veicolato dappertutto secondo una modalità ‘senza fili’ o wireless, come Tesla intuì cento anni fa, ipotizzando la possibilità di veicolare l’energia elettrica in maniera libera e gratuita senza la necessità di fili o apparecchiature varie.

 

La Noosfera è, secondo me, una Zona Tributaria, un accumulo di informazioni a cui attingere in piena e libera coscienza, nella modalità ‘cellulare’ sopra riportata.


Curioso il nome utilizzato, vero? Intendo il termine ‘cellulare’…


Perché tutto ciò? Torniamo a bomba all’inizio d’articolo… Perché?


Perché tutto è in evoluzione: movimento senza movimento. Immaginazione che genera Mondi ed energia. Illusioni o realtà? Non importa nemmeno capirlo… l’importante è godere del ‘viaggio’

 

Il viaggio avviene nel reame del tempo: sbuca nella densità, alla luce del Sole. Quel Sole che ‘prima’ non vedevamo e che ‘ora’ ci scalda come il più amabile dei Genitori.

 

 

 

Torna all'indice degli articoli

 


    
    

Cerca nel sito