Wicca, Neo-Paganesimo, Neo-Stregoneria

La Wicca é una diffusa religione di matrice neo-pagana fondata da Gerald Gardner verso gli anni Quaranta del secolo scorso. Da allora molte tradizioni Wiccan si sono sviluppate in tutto il mondo.

Convenzionalmente “wicca” deriva dal nordico “wicce” ovvero saggio, con accezione sia maschile sia femminile. In Inglese (Old English) “wicca” significa invece necromante o stregone. 

Wicca e Stregoneria (Witchcraft) non sono la stessa cosa, anche se spesso in entrambi i casi i praticanti vengono chiamati streghe e stregoni.

Inoltre dobbiamo distinguere la Wicca dalla stregoneria medievale, dalla demonologia e dal satanismo con il quale non ha nulla a che vedere.

Tradizionalmente la Wicca é strutturata come una religione, con una sua struttura iniziatica, le sue “congreghe”, i suoi “gradi esoterici”, ma ha ormai preso piede una moderna forma di Wicca meno formale e piú individuale (Solitary Wicca): in entrambi i casi i “wiccan” (piú solitamente dovremmo usare il femminile) sono devoti alla Dea (e al Dio Cornuto) e celebrano riti di natura, Esbat e Sabbat e praticano la magia naturale e tecniche guarigione, usando volentieri il termine “magick”, anche se la Magick di Crowley poco ha a che fare con la Wicca e le sue moderne evoluzioni.

Gardner vuole che le Wicca trovi le sue radici nelle antiche religioni matriarcali della preistoria europea, nel paganesimo e nella “stregheria” ma, nella pratica, la sua é un’elaborazione intrisa di procedure massoniche e di magia cerimoniale. Comunque la concezione spirituale della realtá é indubbiamente ispirata agli antichi culti pagani, con alcune influenze di tipo buddista ed induista.

La Wicca Gardneriana é una religione misterica iniziatica e lo stesso Libro delle Ombre, il grimorio che raccoglie i rituali elaborati dal Gardner, viene ancora trasmesso sulla base di una trasmissione iniziatica.

Le successive espressioni della Wicca invece sono piú sincretistiche, meno strutturate, e risentono di varie contaminazioni sciamaniche, cabalistiche, thelemiche e “new age”, gestite peraltro in maniera piuttosto arbitraria e talvolta fantasiosa.

In particolare, la Wicca di Diana si mescola al movimento femminista e rifiuta la gerarchia e la struttura iniziatica della Wicca Gardneriana   per puntare su di una piú libera espressione, solitaria ed autodeterminata, fatta di auto-iniziazioni e di rituali e formule personali, e non raramente si mescola con le concezioni della moderna Chaos Magick.

I “wiccans” sono fondamentalmente devoti alla Natura e a due divinitá, la Dea e un forma-dio che potremmo ricondurre a Pan, anche se le “dianic wiccans” sono esclusivamente devote alla Dea. Altri includono un pantheon piú ricco e danno forma ad un politeismo che risente notevolmente dell’influenza celtica.

Celebrano ritualmente Samahin, Beltane, Imbolc (Candlemas), Lammas (Lughnasadh) così come i solstizi, Litha e Yule, e gli equinozi, Ostara e Mabon, e le fasi della luna nera e piena (Esbats).

Le vesti, gli strumenti e i rituali sono per lo piú ricavati dalla Magick, del resto si sa per certo che gran parte del lavoro di Gardner venne ispirato dagli scritti di Crowley.

Tipici sono il Libro delle Ombre, diventato una sorta di diario personale e raccolta di rituali, assimilabile al Diario Magicko, e il “Rede”, un codice etico che peró é riconosciuto solo negli ambiti strettamente Wicca e non in genere dagli ambienti neo-pagani o stregonici tradizionali.
 

Per approfondimenti:

http://www.cesnur.org/religioni_italia/n/neo_paganesimo_01.htm

Libro consigliato:

La Stregoneria Oggi - di Gerald Gardner (http://www.ilgiardinodeilibri.it/libri/__la_stregoneria_oggi.php


Torna al Glossario


    
    

Cerca nel sito